TOMMY TEDONE

Troppi incidenti stradali in Puglia, il 2022 è stato un anno nero

Continuano a crescere gli incidenti stradali in Puglia: lo testimonia il rapporto regionale 2022 redatto dall’Asset, presentato stamattina alla stampa dall’assessore regionale ai Trasporti Anita Maurodinoia e dal responsabile del Centro monitoraggio sicurezza stradale dell’Asset, Pierpaolo Bonerba.

L’anno scorso le strade pugliesi sono state teatro di 9.286 incidenti stradali con lesione, di cui 201 mortali, che hanno provocato 226 vittime così ripartite: 149 conducenti, 52 persone trasportate, 25 pedoni e 14.256 feriti. In media, 25 incidenti con lesioni al giorno. Rispetto al 2021 il numero di sinistri con morti e feriti ha registrato un +2,2%, gli incidenti mortali hanno registrato un +5,2%, il numero dei morti un +11,3% ed il numero di feriti un +1,7%. L’incremento registrato, tuttavia, è ancora condizionato dalla pandemia Covid-19, soprattutto in relazione al confronto con i primi mesi dell’anno 2021. Infatti confrontando i dati del 2022 con la media dei dati 2017/2019 si è riscontrato un decremento del 4,5% degli incidenti con lesione e dell’11,7% nel numero di feriti. Purtroppo però, in 19 casi, gli incidenti mortali sono stati più cruenti e hanno registrato la perdita di 2 o 3 persone per evento, determinando l’aumento della mortalità. 

All’interno dell’area metropolitana di Bari si è concentrato il 36,2% dei sinistri e il 35,8% dei feriti mentre la maglia nera della mortalità spetta alla provincia di Foggia dove nel 2022 sono stati registrati 60 decessi, seguita dalla città metropolitana di Bari con 50 decessi, dalla provincia di Lecce con 38 e dalla provincia di Taranto con 35. 

Il rapporto evidenzia come il maggior numero di incidenti si sia verificato nei mesi maggio, luglio e settembre: in particolare nel mese di luglio 2022 sono stati verbalizzati in media 32 sinistri al giorno (979 complessivamente) che hanno determinato 6 decessi ogni cinque giorni e il ferimento di 48 persone medio/dia. L’indice di mortalità più elevato è stato registrato sempre nel mese di luglio con 3,7 morti ogni 100 sinistri, quello più basso, invece, a febbraio (1,3).

Il venerdì è stato il giorno con il più alto numero di incidenti stradali. È la domenica il giorno della settimana con il maggior numero di decessi (48) seguito dal venerdì con 41 decessi. Rispetto al 2021 i week-end del 2022 hanno registrato un leggerissimo incremento nel numero dei sinistri dello 0,5% e una cospicua crescita nel numero di deceduti +19,1%. Questo trend di crescita è purtroppo confermato anche comparando i dati degli incidenti mortali nel week-end del 2022 con la media del 2017-19. Nel 2022 la fascia oraria con la più alta percentuale di incidenti è stata quella compresa tra le ore 12 e le ore 15 (19,4%) mentre la fascia 18-21 ha registrato il più alto numero di decessi (17,7%).

È inoltre da rilevare che il 69,9% degli incidenti si è verificato all’interno dei centri abitati, il 29,4% fuori dall’abitato e solo lo 0,7% in autostrada. Tuttavia il più alto numero di vittime si è concentrato fuori dall’abitato (74,8%), seguono i centri urbani (21,5%) e le autostrade (3,5%). Il maggior numero di incidenti è avvenuto all’incrocio (47,3%) ma è sul rettilineo che si è registrato il maggior numero di morti (64,2%).

Tra le strade più incidentate della Puglia, al primo posto la SS 16 nell’area metropolitana di Bari, che ha registrato 212 incidenti (di cui 8 mortali), ma va segnalata anche la SS 96 con 66 sinistri (1 mortale che ha provocato la perdita 3 vite umane).  Nella provincia di Foggia il maggior numero di incidenti è avvenuto sulla SS 16 con 71 sinistri di cui 9 mortali, seguita dalla SS 89 con 42 incidenti di cui 2 mortali. Spostandosi nella provincia di Taranto sulla SS 7 sono avvenuti 69 sinistri con un mortale, mentre sulla SS 275 di Lecce si sono verificati 39 incidenti di cui 6 mortali; nella Bat, prima per numero di incidenti stradali, è la SS  16 con 70 incidenti di cui 3 mortali.

La distrazione – soprattutto l’uso degli smartphone – e l’eccesso di velocità sono state le principali circostanze presunte di incidente unitamente al mancato rispetto della precedenza e/o del segnale semaforico ed alla circolazione contromano.

I conducenti coinvolti nei sinistri stradali nel territorio pugliese sono stati oltre 17mila di cui il 79,9% di sesso maschile e il 20,1% di sesso femminile. I principali responsabili di incidenti stradali sono i conducenti con più esperienza e hanno un’età compresa tra i 30 e 64 anni (circa il 60% dei conducenti).

I veicoli coinvolti in incidente stradale sono stati circa 17mila di cui la metà è stata immatricolato tra il 2000 e il 2010.

Il 57,7% dei conducenti deceduti era alla guida di una autovettura, il 27,5% di un motociclo, il 4,7% di un mezzo pesante, il 4,0% di una bicicletta, il 2,7% di un trattore agricolo e il 2% di un ciclomotore. Tra le tipologie di incidente mortale l’investimento del pedone è quella che ha registrato il maggior incremento rispetto al 2021 con un +47,1%.

A fine incontro è stato presentato lo spot di comunicazione istituzionale Al volante, il cellulare può aspettare”, realizzato da Asset e promosso in collaborazione con l’assessorato alla Mobilità della Regione Puglia, che andrà in onda sulle principali emittenti tv regionali dal 26 luglio, ogni giorno per 12 settimane. Qui lo spot istituzionale: https://bit.ly/SPOT-ASSET