TOMMY TEDONE

Tra Carbonara e Santa Rita un polo innovativo per l’infanzia

Su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, la giunta ha approvato ieri il progetto esecutivo relativo alla realizzazione di un polo innovativo per l’infanzia (asilo nido, scuola materna e centro servizi) tra i quartieri Carbonara e Santa Rita, nell’area compresa tra via Trisorio Liuzzi, via Damascelli e via Vaccarella, per un importo complessivo di 8 milioni 800mila euro, aggiornato al nuovo prezzario regionale.

Il progetto, redatto dallo studio Gandolfi e Mura Architetti associati, prevede la realizzazione di un edificio che ospiterà una scuola materna, una sezione primavera e un asilo nido in ambienti complementari all’attività didattica ma utilizzabili anche dalla comunità, come l’auditorium, la palestra e una biblioteca/ludoteca.

Il polo per l’infanzia sarà caratterizzato da spazi delineati e funzionali, capaci di essere versatili e di seguire i bambini e le loro attività lungo il percorso di crescita. Grande importanza è stata affidata all’immagine architettonica complessiva che riesce a dialogare con l’esterno: le forme scelte e l’impostazione distributiva hanno dunque un rapporto diretto con il contesto, attualmente privo di centri di aggregazione sociale e culturale. Con la chiesa attigua, infatti, il nuovo Polo per l’Infanzia sarà in grado di rappresentare un centro catalizzatore di attività per la comunità.

In base all’accordo nazionale sui Poli innovativi per l’infanzia, sarà l’Inail a realizzare l’opera (su un’area di proprietà comunale a tal fine ceduta dal Comune a Inail) secondo il progetto esecutivo approvato: una volta completato l’edificio, il canone di locazione da corrispondere a Inail sarà a carico del MIUR.

“Nei prossimi giorni consegneremo il progetto esecutivo approvato a Inail, che si occuperà di validarlo, mandarlo in gara e curare l’esecuzione delle opere previste, in base quanto stabilito nell’accordo nazionale – dichiara l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso -. Di fatto quest’opera è frutto di un lavoro condiviso tra Comune, MIUR e Inail e, con l’approvazione del progetto esecutivo da parte dell’amministrazione comunale, si concludono le procedure in capo al Comune. Secondo le previsioni, gli interventi saranno completati entro la fine del 2025”.

“Il Polo innovativo nel Municipio IV rientra nel Piano per l’infanzia del Comune di Bari – commenta l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano -, grazie al quale stiamo realizzando 11 nuovi asili in tutta la città per far fronte alla grande richiesta dei cittadini in lista d’attesa e raggiungere l’obiettivo europeo di ameno 1 posto disponibile nelle strutture pubbliche ogni 3 bambini.

Al primo nido pubblico realizzato nel 2015 a Carbonara, nei prossimi anni si aggiungerà perciò il nido del Polo innovativo, che ospiterà anche una sezione primavera e la scuola dell’infanzia, attualmente allocata in un immobile di proprietà privata in via Ospedale di Venere.

Il Polo innovativo per l’infanzia sarà una struttura all’avanguardia non sul fronte della progettazione fisica e impiantistica ma anche e soprattutto in termini di offerta formativa, per seguire e orientare al meglio la crescita dei più piccoli dai primissimi mesi di vita fino all’età prescolare”.