TOMMY TEDONE

Topo d’appartamento in trappola ad Acquaviva, tradito dalla videosorveglianza

Topo d’appartamento in trappola ad Acquaviva. I carabinieri della Stazione locale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica, traendo in arresto un quarantaquattrenne.

Il provvedimento scaturisce da una complessa ed articolata attività di indagine svolta dai militari che, a seguito del furto in una abitazione consumato in Acquaviva delle Fonti la sera del 18 maggio 2022, attraverso l’acquisizione di immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza presenti nella zona e avvalorati da indagini tecniche, sono riusciti prima a risalire all’autovettura utilizzata dai malfattori e poi ad identificare uno dei due presunti autori del delitto.

Il bottino, in gran parte costituito da preziosi, del valore di circa ottomila euro, era custodito in una cassaforte a muro che è stata aperta con chiavi alterate. I carabinieri hanno localizzato il destinatario del provvedimento in una struttura sanitaria del capoluogo e lo hanno associato alla casa circondariale di Bari.