TOMMY TEDONE

Sequestrati 150 chili di fuochi pirotecnici proibiti

In prossimità delle festività di fine anno si intensifica, su tutta l’area Metropolitana, l’attività dei finanzieri del Comando Provinciale di Bari a contrasto dell’importazione, detenzione e commercializzazione di artifizi pirotecnici non conformi agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale e dell’Unione Europea.

In particolare, nell’ambito di specifiche attività di osservazione, le Fiamme Gialle hanno individuato nel capoluogo e nei comuni limitrofi di Modugno e Bitonto tre depositi all’interno dei quali sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro penale articoli pirotecnici appartenenti a categorie per le quali è proibita la detenzione senza la prescritta licenza di P.S. oltre un certo limite quantitativo.

Contestualmente, sono state accertate gravi omissioni relative alle misure di sicurezza previste per la custodia dell’ingente quantitativo di materiale pirotecnico stoccato.

L’attività si è conclusa con il deferimento dei tre titolari delle attività commerciali per l’ipotesi di reato di fabbricazione e/o commercio abusivo di materie esplodenti, nonché con il sequestro di oltre 228 mila articoli piro-tecnici illegalmente detenuti e posti in vendita, contenenti una massa attiva di polvere pirica di circa 140 Kg.

In un altro intervento, la Compagnia di Monopoli ha sequestrato circa 2 mila articoli pirotecnici, contenenti una massa attiva di 8 Kg in quanto sprovvisti delle prescritte indicazioni sulla sicurezza, segnalando il responsabile all’autorità prefettizia per le violazioni amministrative rilevate.

Il materiale esplodente è stato trasportato e concentrato presso un deposito specializzato e posto a disposizione delle competenti autorità.