TOMMY TEDONE

Scoperto un laboratorio clandestino per coltivare la marijuana

Un laboratorio clandestino destinato alla coltivazione di marijuana è stato scoperto nei giorni scorsi dai finanzieri della Compagnia di Altamura, in un appartamento non distante dal centro storico della città. Denunciato un giovane altamurano per produzione e detenzione di sostanze stupefacenti.

I finanzieri avevano da tempo monitorato i movimenti del soggetto che, pur non residente nel luogo dove è stato rinvenuto il laboratorio, vi si recava con una certa frequenza ed in orari sospetti.

Durante alcuni preliminari sopralluoghi eseguiti nei pressi dell’immobile, i militari hanno avvertito un intenso odore di marijuana nel luogo di interesse. Individuato l’appartamento, le Fiamme Gialle altamurane sono intervenute non appena hanno visto l’uomo uscire dal palazzo per dirigersi verso la propria autovettura, procedendo all’accesso e alla immediata perquisizione dell’immobile.

Nell’abitazione era stata allestita una serra artigianale corredata di lampade, strumenti per monitorare temperatura e umidità, ventilatore e deumidificatore; tutta attrezzatura funzionale alla coltivazione della cannabis.

Le attività si sono concluse con il sequestro dell’intero laboratorio, di diverse piante di cannabis indica in fluorescenza alte più di 1 metro, di circa 300 grammi di marijuana (già essiccata e pronta per il consumo), di 41 semi di cannabis (di diversa tipologia), di 5,20 grammi di hashish e la denuncia, a piede libero, del soggetto.