TOMMY TEDONE

Scoperta discarica abusiva mentre venivano lasciati materiali di risulta

Scoperto dai finanzieri della Compagnia di Andria hanno un automezzo pesante carico di materiale edilizio di risulta presso un’area di circa 11 mila metri quadri, completamente satura di rifiuti di analoga tipologia.

In particolare, le Fiamme Gialle, notavano un autotrasportatore alla periferia della città che alla vista della pattuglia automontata con colori di istituto, arrestava bruscamente la manovra di ingresso nell’area rurale, rientrando sull’asse stradale.

I militari, insospettiti dalla circostanza, decidevano di appostarsi in modo occulto poco distante, notando, dopo alcune ore, il medesimo autocarro accedere alla stessa strada di campagna che conduce all’area adibita a discarica a cielo aperto di laterizi e altri rifiuti derivanti da demolizioni edilizie, scoperta dagli stessi finanzieri durante una perlustrazione eseguita sul posto.

L’ intervento eseguito mentre il mezzo pesante era intento a scaricare le macerie, permetteva di impedire l’illecito sversamento, identificare il conducente e sequestrare il mezzo di trasporto, in flagranza di reato. Il terreno veniva successivamente circoscritto e sottoposto a sequestro per le violazioni al Testo Unico Ambiente, mentre il trasportatore e il proprietario del fondo venivano denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Trani. Sono tuttora in fase di accertamento i risvolti fiscali derivanti dalle condotte illecite precedentemente descritte, per la tassazione dei proventi derivanti da reato ed il calcolo della c.d. “ecotassa”, un tributo sotteso a finalità ambientali a favore delle Regioni, per il riciclo e lo smaltimento alternativo dei rifiuti, nonché per le bonifiche e i ripristini delle aree inquinate.