TOMMY TEDONE

Rinnovo delle commissioni reagionali: figuraccia del centrosinistra che non si presenta

“Per la prima volta nella storia della Regione Puglia, quindi dal 1970 ad oggi, anche un ordinario rinnovo delle Commissioni regionali, che avviene a metà legislatura, diventa un mercato delle vacche, una spartizione di poltrone e una resa dei conti all’interno di un centrosinistra”. E’ quanto si legge in una dichiarazione congiunta del gruppo regionale di Fratelli d’Italia (il capogruppo Francesco Ventola e i consiglieri Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Renato Perrini e Michele Picaro).

“Purtroppo è una constatazione di fatto che noi denunciamo da diversi mesi. È una maggioranza – si legge ancora nella nota – che si tiene in piedi solo con lo strapuntino: con la gestione del potere, con incarichi e poltrone a gogo. Ma quando nonostante tutte le prebende distribuite non si riescono a far quadrare i conti allora in maniera più scandalosa e irrispettosa delle istituzioni si fugge. Ai colleghi vorremmo solo ricordare che siamo stati eletti dai pugliesi per rispondere e risolvere i problemi dei pugliesi non ai diktat del presidente Michele Emiliano che ha dato l’ordine di non presentarsi in aula per evitare l’ennesima figuraccia di una maggioranza che non riesce a mettersi d’accordo, non sui gravi problemi come la ripartizione di risorse per realizzare un’opera pubblica o come organizzare la sanità in Puglia, ma su ‘cosa sta per me!’… e siamo certi che tra qualche giorno arriverà l’ennesima gratitudine a qualche consigliere scontento in barba alla politica e a tutti i cittadini pugliesi”.