TOMMY TEDONE

Protesta al Libertà, intere zone del quartiere restano al buio

E’ vero e proprio allarme al quartiere Libertà, con intere zone al buio nonostante le segnalazioni.

A Luigi Cipriani, responsabile del Movimento “Riprendiamoci il futuro” continuano a pervenire lamentele da parte di residenti e commercianti della zona i quali sono sempre più preoccupati, soprattutto nelle ore serali, per il buio causato del malfunzionamento della pubblica illuminazione e precisamente.

In particolari le zono sono quelle di via Crisanzio all’altezza del civico184/A; via Ravanas civico 286; via Trevisani civico 205; via P. Amedeo civico 334; via P. Amedeo 341 e 351; via N. Bavaro angolo Trevisani ecc.

Lo stesso Cipriani precisa che “nonostante le numerose segnalazioni effettuate da mesi alla Polizia locale e all’URP del Comune di Bari ad oggi nessuno ha mai fatto nulla. Anzi la situazione sta addirittura peggiorando: a chi spetta intervenire?”.

Nella nota si legge anche che “in più circostanze gli addetti, sia della Polizia locale che coloro che prestano servizio all’URP del Comune, hanno asserito che il loro compito è limitato solo alla segnalazione di tali anomalie e che non possono fare altro”.

Nel ribadire la necessità di un urgente intervento, Cipriani fa anche notare che alcune attività commerciali sono costrette a chiudere in anticipo per paura di eventuali episodi delittuosi nei confronti di cittadini e commercianti della zona. La nota si conclude con una domanda diretta al sindaco Decaro: a cosa servono i tavoli sulla sicurezza se poi non si fa nulla per garantirla?