TOMMY TEDONE

Palese, piazza Magrini sarà presto pedonalizzata

La giunta ha approvato il progetto definitivo degli interventi strutturali a difesa delle utenze deboli nella città di Bari – Lotto 2 piste ciclabili, zone 30 e interventi di moderazione del traffico veicolare, aree pedonali – relativi alla sistemazione di piazza Magrini e delle aree pedonali e carrabili circostanti, a Palese, per un importo complessivo di 900mila euro.

Obiettivo dell’amministrazione è quello di realizzare un intervento di traffic calming e riduzione della velocità a 30 km/h, in corrispondenza dello spazio pubblico, tramite l’innalzamento della pavimentazione stradale alla stessa quota di quella di circolazione dei pedoni.

Si tratta, infatti, di un progetto di pedonalizzazione che consentirà di sistemare anche le aree pedonali e carrabili circostanti, in modo tale che i residenti possano vivere appieno la piazza antistante la chiesa San Michele Arcangelo. L’area sarà riqualificata anche grazie a un accordo con la Diocesi, proprietaria di circa un quarto dell’area, attraverso una serie di lavori concordati che rispondono a un disegno architettonico unitario.

Nello specifico il tratto di carreggiata di corso Vittorio Emanuele tra vico IV Vittorio Emanuele e vico II Vittorio Emanuele, la parte finale (secondo il senso di marcia) di via Cesare Battisti e il tratto adiacente piazza Magrini di via Monte San Michele saranno sopraelevati fino a raggiungere il livello della piazza e raccordati alla viabilità esistente, non interessata dall’intervento, mediante rampe opportunamente dimensionate. La sopraelevazione stradale e la piazza saranno realizzate in masselli autobloccanti con colorazione diversa a seconda dell’utilizzo (chiara per le aree pedonali, antracite per le aree carrabili).

Il progetto prevede anche la piantumazione di alberi e cespugli con l’installazione del relativo impianto di irrigazione, il montaggio di nuovi arredi urbani – panchine, cestini, fioriere, portabiciclette, griglie per alberi e dissuasori parapedonali – e la realizzazione di un nuovo impianto di videosorveglianza, con quattro telecamere, e uno di pubblica illuminazione secondo gli attuali standard adottati nelle operazioni di riqualificazione degli spazi pubblici della città.

I lavori saranno completati dalla fornitura e posa in opera di un impianto di smaltimento delle acque meteoriche che convoglierà le acque piovane delle strade e della piazza per recapitarle nell’impianto di trattamento: una volta trattate, le acque saranno in parte accumulate in vasca di accumulo per fini irrigui e, in parte, immesse in falda mediante due pozzi disperdenti da realizzarsi al di sotto della piazza.

“Abbiamo completato il secondo livello di progettazione, quello definitivo – commenta l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso -, che ci consentirà di indire la procedura di gara per un appalto integrato con il quale individuare il soggetto esecutore sia del progetto esecutivo sia della realizzazione dei lavori necessari per portare a termine questa importante riqualificazione dello spazio pubblico molto attesa dalla comunità locale in quanto piazza Magrini è storicamente uno dei luoghi più frequentati nel quartiere”.

I lavori sono finanziati con fondi POC Metro per un importo complessivo di euro 900.000.