TOMMY TEDONE

Nuove residenze universitarie in arrivo, alla Regione 50 milioni di euro

Sono stati pubblicati ieri gli esiti dei lavori della Commissione giudicatrice dei progetti candidati al V Bando del Ministero dell’Università e della Ricerca, in attuazione della Legge 338/2000 che prevede il cofinanziamento fino al 75% del costo totale da parte dello Stato per interventi rivolti alla realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari. Sono otto i progetti pugliesi ammessi al finanziamento: cinque candidati dall’Agenzia regionale per il Diritto allo Studio – Adisu Puglia, uno presentato dalla LUM, uno dall’Università di Foggia e uno dall’Università del Salento.

Dei cinque progetti di Regione Puglia finanziati, tre riguardano i progetti vincitori dei concorsi di progettazione lanciati negli scorsi mesi dall’Assessorato regionale all’Istruzione, in collaborazione con le agenzie regionali Adisu e Asset, per riqualificare l’ex Caserma Cimarrusti di Lecce, Palazzo Frisini a Taranto e l’ex Cassa Artigiani a Brindisi. Le altre due candidature finanziate riguardano, invece, interventi di efficientamento energetico su due case dello studente esistenti, ovvero la residenza P. Mennea di Bari e la residenza E. De Giorgi di Lecce.

Ad essere ammessi al finanziamento V Bando ministeriale della Legge 338/2000 sono stati, inoltre, il progetto proposto dall’Università degli Studi di Foggia nell’ex Conventino con la creazione di 64 posti letto, il progetto della LUM per una nuova residenza a Casamassima di 242 posti letto e quello dell’Università del Salento con 89 alloggi nel complesso ITCA (Istituto Terziari Cappuccini) di Lecce. Numeri importanti che consentiranno alla Puglia di fare un notevole balzo in avanti nell’ambito delle residenze universitarie e delle facilities a disposizione degli studenti.

“La Puglia si aggiudica cinquanta milioni di euro per potenziare il diritto allo studio per i ragazzi che scelgono di studiare e vivere nelle nostre città. Si tratta di un riconoscimento importante, frutto di un lavoro straordinario che abbiamo cominciato tempo fa, lanciando il progetto Puglia Regione Universitaria anche per rispondere alla domanda di residenzialità degli studenti di cui i tre concorsi di progettazione per Lecce, Brindisi e Taranto rappresentano un tassello importante”, ha dichiarato l’assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo che ha aggiunto: “I tre progetti vincitori dei concorsi, con cui la Puglia si è aggiudicata il finanziamento ministeriale, non solo consentiranno di incrementare la disponibilità di alloggi per un totale di 222 unità, rispettivamente 80 posti a Lecce, 92 posti a Taranto e 50 posti a Brindisi, ma saranno un grande volano di un processo di rigenerazione urbana per le tre città universitarie. Edifici di valore storico, spesso abbandonati o ridotti a ruderi, ritorneranno a nuova vita, aprendo le loro porte alla comunità studentesca pugliese ma non solo. Infatti, a beneficiare di questi interventi sarà tutta la cittadinanza, grazie alla creazione di “spazi-soglia” come corti, porticati, spazi di co-working, servizi di ristorazione, auditorium, palestre, etc. Spazi progettati all’insegna del recupero del patrimonio storico artistico degli immobili ma anche innovativi e attenti al tema della sostenibilità ambientale. Un innalzamento della qualità reso possibile dallo strumento dei concorsi di progettazione.”

“Oggi è una giornata da ricordare non solo per la comunità studentesca ma per tutta la Puglia. Per questo traguardo raggiunto voglio sentitamente ringraziare la dirigente Maria Raffaella Lamacchia con tutta la sezione regionale Istruzione e Università, oltre ovviamente alle agenzie regionali, Adisu e Asset, per lo straordinario lavoro svolto” ha concluso Leo.