TOMMY TEDONE

Monopoli in piazza per onorare la Madonna della Madia

Con la cerimonia dell’intronizzazione dell’immagine della Madonna della Madia in Largo Plebiscito sono iniziati domenica 13 agosto i festeggiamenti in onore della Patrona di Monopoli.

Durante la cerimonia, alla presenza dell’Arcivescovo della Diocesi Brindisi-Ostuni mons. Giovanni Intini, il sindaco di Monopoli Angelo Annese ha deposto un mazzo di fiori ai piedi dell’immagine.

«Vivo l’intronizzazione con grande emozione perché è il momento in cui si affida la Città alla Madonna della Madia, rinnovando un legame tra Monopoli e la Vergine che dura da più di 900 anni. Oggi per me è un nuovo inizio, un inizio pieno di fiducia e pieno di responsabilità. Un cammino che oggi consegniamo alla nostra protettrice affinché guidi l’azione amministrativa di ognuno di noi seguendo i principi di onestà e trasparenza», ha affermato Annese. Che ha salutato Mons. Intini «con il quale tutti noi abbiamo avuto un rapporto diretto», Don Peppino, Don Antonio e tutti i parroci della nostra città ed ha ringraziato «il presidente del comitato festa Flavio Petrosillo, tutte le donne e gli uomini del comitato, i volontari delle associazioni, le forze dell’ordine e ogni singolo che collabora alla preparazione e alla buona riuscita di questo grande evento religioso. Ad agosto come a dicembre in un impegno quotidiano tutto l’anno».

Infine, un pensiero «alla famiglia che in questi giorni vive il dolore più devastante per la perdita del piccolo Giuseppe in quello che doveva essere un giorno di gioia e di amore», «a chi in questo momento sta soffrendo perché malato, penso al piccolo Francesco, che è a Roma e sta lottando per la vita, a chi soffre perché in difficoltà economiche o perché alla ricerca di un lavoro o di una casa» e ai giovani ai quali ha chiesto di «essere forti, di non arrendervi mai e di lavorare sempre per un mondo migliore».

Alla cerimonia era presente una delegazione del Comune della città di Lyss, comune elvetico del cantone di Berna con cui Monopoli è gemellata sin dal 1983 e nel quale sin dai primi anni sessanta centinaia di monopolitani si sono trasferiti in cerca di lavoro. Lì vive una vasta comunità monopolitana di prima, seconda e terza generazione che nel primo decennio rappresentava circa la metà della popolazione. La delegazione era composta dal sindaco Stefan Nobs, dall’assessore ai Servizi Sociali Stefan Bütikofer e dal presidente dell’Associazione Pugliesi a Lyss Paolo Larizza. La visita sarà ricambiata il prossimo 25 agosto quando nella città svizzera si terrà una festa per il quarantesimo anniversario del gemellaggio.

La festa patronale continua fino al 16 agosto.