TOMMY TEDONE

Maltrattava moglie e figli, poi morti in un incidente: arrestato un 43enne

E’ ritenuto presunto responsabile di omicidio stradale e maltrattamenti in famiglia commessi nei confronti della compagna convivente e in danno e alla presenza del figli minori. Questa mattina i carabinieri della Stazione di Trinitapoli hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 43enne residente a Trinitapoli.

Le indagini sono scaturite all’esito dell’incidente stradale, avvenuto nel luglio scorso sulla SS 544 – località Tressanti, nel quale l’auto condotta dal 43enne e con a bordo la moglie e quattro dei cinque figli andava ad impattare con un motociclista, causando la morte di quest’ultimo, della moglie e di due figli; prontamente sul luogo dell’incidente sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Cerignola che hanno proceduto ai rilievi del sinistro stradale. Successivamente, la Stazione Carabinieri di Trinitapoli ha intrapreso un’accurata attività investigativa, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Foggia, dalla quale è emerso un quadro familiare fatto di quotidiani maltrattamenti, vessazioni e violenze fisiche e morali, che l’uomo avrebbe posto in essere nei confronti della propria famiglia. In particolare, gli approfondimenti investigativi hanno acclarato come l’uomo avesse in molteplici situazioni palesato atteggiamenti estremamente violenti, minacciando di morte, in più occasioni, l’intera famiglia. Il soggetto è stato quindi portato in caserma e successivamente tradotto presso il carcere di Foggia.