TOMMY TEDONE

Intervento mininvasivo di denervazione eseguito per la prima volta a Policlinico

Eseguita al Policlinico di Bari la prima denervazione renale con radiofrequenza su un paziente salentino di 50 anni. Si tratta di una alternativa interventistica mininvasiva in grado di ridurre in modo significativo la pressione arteriosa nei pazienti con ipertensione molto alta e non curabile attraverso i farmaci, oggi possibile presso l’ospedale universitario barese.
L’uomo, infatti, nonostante una terapia farmacologica massimale, con assunzione di diversi farmaci antipertensivi, e quindi non ulteriormente potenziabile, continuava ad avere valori pressori parecchio superiori alla norma. Questa patologia, oltre ad avergli già causato conseguenze professionali, lo esponeva all’alto rischio di infarto e ictus.

La procedura interventistica di denervazione renale è stata eseguita mediante un dispositivo di ultimissima generazione dal dottor Fortunato Iacovelli dell’equipe di Cardiologia universitaria diretta dal prof. Ciccone. Durante la procedura, un catetere speciale viene introdotto attraverso una piccola incisione e guidato fino ai reni. Una volta posizionato correttamente, il catetere rilascia energia a radiofrequenza che colpisce le pareti dei vasi sanguigni dei reni, interrompendo il segnale nervoso responsabile dell’ipertensione.
Il paziente, seguito dal centro ipertensione “Pirrelli” diretto dal prof. Pietro Nazzaro, dopo la dimissione ha continuato a essere monitorato a distanza dal dott. Sebastiano Cicco e dal dott. Gianfranco Amodio che alla luce di una già cospicua riduzione dei valori pressori, hanno già provveduto a sospendergli la maggior parte dei farmaci antipertensivi che finora assumeva.