TOMMY TEDONE

Il piano CostaSud, progetto sostenibile e avveniristico nella Bari del futuro

Presentato il piano urbanistico esecutivo Bari CostaSud che sarà ora trasmesso ai Municipi prima di essere sottoposto all’approvazione del Consiglio comunale.

“Oggi presentiamo la vera sfida urbanistica per Bari immaginando la città del futuro e tenendo fede ad un impegno preso con i cittadini – ha dichiarato il sindaco Antonio Decaro -. Il Piano Costasud promuove la ricucitura del territorio dal punto di vista urbanistico e sociale e consente la connessione fisica tra la città e il suo mare ed interesserà tutta la zona a sud/est con la realizzazione di un parco costiero lungo sei chilometri che va da Pane e pomodoro a San Giorgio. Questo progetto prevede un nuovo modello per lo sviluppo urbano che ne valorizza le componenti naturali e che tiene insieme il patto città-campagna del PPTR, la conservazione degli usi agricoli ed il reticolo agricolo di collegamento tra via Gentile e il mare. Attraverso una pianificazione urbanistica di ampio respiro gli obiettivi principali di tutela della costa, della campagna e delle lame si accompagnano ad una forte riduzione delle volumetrie, fino al 50%, e ad una ancor più pronunciata riduzione di consumo di suolo, fino al 63%. Spesso sentiamo parlare di atti di pianificazioni urbane a “volumi zero”, questo non significa che quegli strumenti urbanistici non prevedono costruzioni ma vuol dire che le volumetrie previste nella programmazione precedente restano inalterate. Col Piano Costasud noi siamo quindi andati oltre la pianificazione a “volumi zero” redigendo un piano urbanistico esecutivo a “volumi sotto zero” perché riduciamo sensibilmente la capacità edificatoria prevista in quella parte di territorio dall’attuale piano regolatore, lavorando con gli strumenti della perequazione e della compensazione che ci permetteranno di trasferire le volumetrie previste per le aree che vogliamo tutelare nelle zone già urbanizzate riducendole sensibilmente. Questa operazione di rigenerazione urbana ci permetterà di salvaguardare il territorio ed allo stesso tempo di compattare la città esistente. Ma CostaSud è anche altro: rappresenta un’anticipazione del PUG che interessa un territorio di 935 ettari e circa 27.400 abitanti e, contemporaneamente, l’adeguamento della strumentazione urbanistica al PPTR che è un altro passaggio fondamentale nella strategia urbanistica della città. Tutto questo in una zona che oggi presenta un forte degrado fisico e sociale ma che crediamo possa essere invece il motore di un nuovo sviluppo sostenibile e ambientale della Bari del 2030. In questo percorso si inserisce l’intervento infrastrutturale per la realizzazione del “parco pubblico Bari CostaSud”, che l’amministrazione sta portando avanti da diversi anni e che oggi vede progettazioni approvate per quattro lotti sui sei previsti. I cantieri saranno avviati a partire già all’inizio del prossimo anno, grazie ai fondi del PNRR che finanzia l’opera per 86,25 milioni permettendoci di progettare lo sviluppo della città mantenendo come punto fermo la tutela dell’interesse pubblico”.