TOMMY TEDONE

Fratelli d’Italia risponde a Emiliano: “Sui FSC dimostri lo scippo con le carte”

Non si è fatta attendere la risposta dei parlamentari pugliesi di Fratelli d’Italia (il sottosegretario e coordinatore regionale di FdI, Marcello Gemmato, i senatori Annamaria Fallucchi, Filippo Melchiorre, Maria Nocco e Ignazio Zullo, e i deputati Erio Congedo, Dario Iaia, Giandonato Lasalandra, Mariangela Matera e Giovanni Maiorano) alle accuse mosse dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, circa la ripartizione FSC 2021-2027, per la quale ha parlato di uno scippo alla Puglia di 160 milioni di euro.

“Non avevamo dubbi – si legge nella nota – che anche questa volta il presidente Emiliano avrebbe mostrato la sua doppia faccia: una quella ‘istituzionale’ che partecipa alle riunioni istituzionali e l’altra a favore delle telecamere e dei giornalisti. Quest’ultima francamente imbarazzante per la cialtronaggine con la quale Emiliano fa affermazioni che non stanno né in cielo né in terra. Non a caso è l’unico governatore che ieri sera, al termine della riunione CIPESS, ha farfugliato accuse verso il Governo talmente ridicole che nascondono un nervosismo palese: non può più fare delle risorse FSC operazioni clientelari per alimentare un consenso elettorale. Facciamo chiarezza: la delibera CIPESS approvata ieri, che assegna alla Puglia 4,6 miliardi di euro di Fondi di Sviluppo e Coesione, non era una novità per il presidente Emiliano, perché era stata presentata a tutti i Presidenti di Regione due settimane fa. Né in quell’occasione, né ieri durante la riunione del CIPESS, Emiliano ha mai detto nulla sul presunto scippo alla Puglia di 160 milioni di euro! Lo dice SOLO ieri sera ai giornalisti, ma mai nelle sedi istituzionali! E allora noi oggi lo sfidiamo a mostrarci un solo atto ufficiale da dove risulta che il precedente Governo avesse assegnato questi 160 milioni di euro in più. Perché quello che sfugge a Emiliano è che questi sono argomenti seri e non chiacchiere al bar, alle quali lui è abituato”.

Per i parlamentari, “le stesse dichiarazioni farneticanti, che rilascia sempre ai giornalisti e mai nelle sedi istituzionali, quando dichiara che per colpa del Governo è tutto fermo, invece, è proprio il contrario: grazie alla delibera CIPESS approvata ieri potrà attivare la nuova programmazione FSC 2021-2027, perché gli consente di poter utilizzare una quota parte di quelle risorse per co-finanziare il programma europeo, diversamente non avrebbe i soldi e non potrebbe neppure far partire gli investimenti. Ma, per fare questo, è necessario avere una capacità gestionale e di programmazione seria, non un Bilancio costruito sulla spesa corrente che serve a elargire a pioggia risorse più per alimentare la clientela politica che per lo sviluppo della Puglia. Emiliano si metta a lavorare – chiude la nota – e utilizzi i 4,6 miliardi della programmazione futura per presentare progetti che diano alla Puglia opere infrastrutturali in grado di lasciare il segno e rendere la nostra regione una terra appetibile per investimenti a lungo termine. A questo servono queste risorse”.