TOMMY TEDONE

Fondi sviluppo e coesione, Emiliano attacca Fitto: “Scippo alla Puglia di 160 milioni”

“La ripartizione dei fondi Fondi Sviluppo e Coesione assegnati alla Puglia dal Ministro Fitto è inferiore di quasi 160 milioni rispetto alla ripartizione effettuata dal ministro Carfagna 9 mesi.
Questo è un segnale chiaro a tutti i pugliesi”. E’ polemica tra il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e, a distanza, il ministro Raffaele Fitto.

Ma è una polemica che ha provocato subito un botta e risposta, non col ministro ma con i parlamentari del centrodestra.

“Si aggiunga – ha proseguito Emiliano – che le somme assegnate alla Puglia dal Cipess non sono immediatamente disponibili e non possono essere utilizzate – a quanto si comprende – per le spese di welfare, servizi sociali, contrasto alla povertà, cultura, turismo ed altre spese di parte corrente come ricerca e formazione. In questo modo – questo è il rischio – potrebbero non essere impiegabili per le spese di investimento immateriali che nel sud sono il necessario completamento dei fondi europei destinati a colmare il divario di sviluppo rispetto al nord.
Questo divieto di utilizzo per le spese immateriali non era mai stato in precedenza imposto dalle analoghe delibere Cipe degli anni scorsi, anche perché la legge istitutiva dei fondi FSC non prevede affatto questo divieto ed anzi obbligava ad utilizzarle per settori essenziali in modo sinergico rispetto ai finanziamenti europei anche immateriali.
La conseguenza di questa scelta scellerata osteggiata da tutte le Regioni italiane – rimaste tutte inascoltate – corrisponderà ad una grave lesione delle politiche di coesione che avevano consentito alle aziende che investivano in Puglia di contare su questo sostegno complementare, ma essenziale, in settori strategici. In ogni caso il riparto oggi deliberato era stato definito quasi un anno fa dal ministro Carfagna e se ne può concludere che sono stati inutilmente persi mesi e mesi anche con riferimento al cofinanziamento obbligatorio dei fondi europei anch’essi rimasti inutilmente fermi per mesi. L’arroganza e la prevaricazione sulla autonomia delle Regioni così progettata dal Ministro Fitto deve diventare la battaglia comune di tutte le Regioni italiane e in particolare di quelle del sud. Bisogna impedire che i fondi FSC – per la via del divieto di impiegarli per la spesa di parte corrente – vengano in questo modo utilizzati per il completamento dei cantieri PNRR che il governo non riesce ad accelerare per totale mancanza di capacità organizzativa della struttura amministrativa”, ha concluso Emiliano.