TOMMY TEDONE

Finanziamenti indebiti dalla Ue, denunciati alla Corte dei Conti

L’indebita percezione di contributi a “fondo perduto” e “finanziamenti agevolati”, per circa 550.000 euro, erogati dalla Regione Puglia e co-finanziati dall’Unione Europea sono stati accertati dalle Le Fiamme Gialle di Putignano, a conclusione di articolate investigazioni dirette dalla Procura della Repubblica di Bari. Le indagini hanno consentito di disvelare un collaudato sistema truffaldino caratterizzato dal ricorso a due espedienti tipici di questa tipologia di frode: nella fase istruttoria, venivano proposti e rappresentati all’Ente erogatore piani di investimento artatamente gonfiati, mediante l’utilizzo di preventivi falsi; nella fase esecutiva, dopo aver avuto accesso ai contributi e ai finanziamenti, venivano documentati costi fittizi o superiori a quelli realmente sostenuti attraverso l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Al termine delle attività d’indagine, sono state deferite 17 persone fisiche per le ipotesi delittuose di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, emissione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Inoltre, due società operanti nella Città Metropolitana di Bari sono state segnalate per responsabilità amministrativa dipendente dai reati ipotizzati. A conclusione dell’attività investigativa, infine, è stato dato avvio al procedimento di revoca e recupero dei finanziamenti e dei contributi indebitamente percepiti ed è stato segnalato il relativo danno erariale alla Procura Generale della Corte dei Conti di Bari.