TOMMY TEDONE

Costa Ripagnola, il Consiglio di Stato boccia il ricorso degli ambientalisti

Potranno andare avanti i lavori a Costa Ripagnola. Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso (presentato dell’associazione ambientalista ‘I Gabbiani del parco di Costa Ripagnola’ e dall’ex consigliere regionale Domenico Lomelo) con cui si chiedeva lo stop sull’area verde a nord di Polignano a Mare. Già lo scorso 24 ottobre il Tar di Bari aveva già rigettato nel merito il ricorso dell’associazione ambientalista, che aveva poi impugnato la sentenza dinanzi al Consiglio di Stato.

Secondo i giudici “non è provato il pregiudizio grave ed irreparabile dedotto dagli appellanti”, in virtù del fatto che l’intervento autorizzato alla società Serim è “limitato alla ‘conservazione dell’edificato e non contempla l’incremento della volumetria”.

Peraltro, la stessa Serim intende recuperare e restaurare i trulli presenti per farne strutture ricettive.

Si tratta del quarto atto tra l’associazione ambientalista e la Serim. Il primo ad aprile 2023 quando il Tar di Bari aveva rigettato il primo ricorso non concedendo l’istanza cautelare di sospensione dei lavori. A giugno dello stesso anno, però, il Consiglio di Stato aveva dato ragione ai ricorrenti e chiesto al Tar di esprimersi nel merito. Si è arrivati così al 24 ottobre scorso con la sentenza che aveva dato ragione alla Serim.