TOMMY TEDONE

Bici, monopattini e auto elettriche: a Bari la mobilità del futuro

La “Mobilità del futuro” al centro del confronto tra imprese innovative e istituzioni nella quinta tappa barese dell’Innovation Roadshow, il tour promosso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT) e finanziato con risorse REACT-EU del PON Imprese e Competitività dal progetto “Imprenditorialità Innovativa” che, fra le altre attività, prevede azioni di animazione imprenditoriale, orientamento e networking sulle direttrici dell’Agenda 2030. 

Il roadshow è gestito da Invitalia, l’Agenzia per lo sviluppo, in collaborazione con le Case delle Tecnologie Emergenti (CTE), create dal MIMIT come luoghi nei territori dedicati al trasferimento tecnologico e alla connessione tra sistema universitario, discipline STEM e mondo delle imprese. 

Obiettivo dell’incontro, organizzato presso la Fiera del Levante insieme al Comune e alla CTE di Bari, con il supporto di DTA Distretto Tecnologico Aerospaziale, far emergere l’importanza di investire nella sperimentazione delle nuove tecnologie e diffondere le principali opportunità messe in campo dal Ministero, gli incentivi, i servizi di accompagnamento e le iniziative di open innovation di Invitalia a supporto delle startup. 

Grazie ai programmi Smart&Start Italia, Smart Money e Brevetti+, infatti, in Puglia il MIMIT e Invitalia hanno finanziato 242 aziende innovative, per 49 milioni di euro di agevolazioni concesse, che hanno attivato circa 59 milioni di euro di investimenti. 

Focus della giornata gli investimenti in tecnologie emergenti applicate al tema della mobilità del futuro. La CTE di Bari ha come obiettivo la realizzazione di un hub dell’innovazione in grado di sperimentare nuove tecnologie e protocolli operativi di smart mobility. In particolare, le sperimentazioni riguardano la guida autonoma e semiautonoma di veicoli terrestri e aerei attraverso l’utilizzo delle reti di nuova generazione, dell’intelligenza artificiale e IOT, creando un living lab a scala urbana nella città di Bari.

All’incontro sono intervenuti Eugenio Di Sciascio, vicesindaco di Bari e rappresentante della CTE locale; Donatella Proto, dirigente delle Comunicazioni Elettroniche ad Uso Pubblico e Privato, Sicurezza delle Reti e Tutela delle Comunicazioni del Ministero delle Imprese e del Made in Italy; Massimo Calzoni, tesponsabile Promozione Servizi e Orientamento di Invitalia.

Nel corso della mattinata di lavori hanno raccontato la loro storia di successo aziende e startup che, grazie all’uso delle tecnologie emergenti, hanno realizzato soluzioni innovative in diversi campi di applicazione. Si tratta di imprese finanziate attraverso incentivi di Invitalia o radicate nel territorio, supportate dalla CTE di Bari: