TOMMY TEDONE

Barletta, consegnato il cantiere del parcheggio interrato di via Vittorio Veneto

Questa opera pubblica era prevista dal Contratto di quartiere II (Borgovilla – Patalini) dal 2004 per una spesa complessiva di 2.897.000 euro di cui 2 milioni a carico dello Stato e 897.000 a carico del bilancio comunale. Cari cittadini, è mortificante prendere atto che per arrivare alla aggiudicazione di un’opera pubblica molto attesa da tutti i barlettani siano trascorsi 19 anni circa”. Comincia così una nota del sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, nel commentare la consegna del cantiere sull’area della ex distilleria, sulla quale sorgerà il parcheggio interrato di via Vittorio Veneto.

“E’ motivo di rabbia aver privato, per tanto tempo, la città di una struttura utile – continua Cannito – a causa delle solite e tragiche lungaggini burocratiche relative a obblighi di legge, a pareri di Enti molto attivi nel saper creare ostacoli (a volte anche pretestuosi) e per mancanza di senso di responsabilità. Si noti bene che era il 2006 quando veniva stipulato il contratto di aggiudicazione della progettazione. Una vita fa. Sappiate che questa Amministrazione con caparbietà e diuturno impegno ha vinto ogni sorta di maniacale adempimento burocratico e oggi posso finalmente comunicare che l’8 Agosto scorso è stata consegnata l’area di cantiere al Consorzio Conpat  Scarl di Roma che si è aggiudicato l’appalto per 2.053.000 euro cui seguirà il dovuto aggiornamento dei prezzi previsto dalla normativa vigente   per la realizzazione del  parcheggio interrato che avrà  una capacità di 110 posti per auto e 10 per motoveicoli. Nell’ottica del rispetto del patrimonio archeologico industriale dell’area non saranno costruiti manufatti in superficie al di fuori del solo vano ascensore. I lavori inizieranno il giorno 4 settembre e da quella data scatteranno i 540 giorni previsti per il completamento dell’opera. Pur combattendo quotidianamente contro ogni forma di becero burocratismo – conclude il sindaco – stiamo facendo del nostro meglio per rendere Barletta una città più bella, più moderna, più vivibile per tutti noi e per chi avrà voglia di visitarla”.