TOMMY TEDONE

Bari shopping tour, arrivate ben 310 adesioni di commercianti

Sono 310 le attività commerciali baresi che hanno risposto alla call del Comune di Bari promossa nell’ambito di d_Bari, il programma per il sostegno all’economia di prossimità, per la costruzione della mappa dello shopping cittadino.

Obiettivo di Bari Shopping Tour è coinvolgere i commercianti nella progettazione e nella promozione di alcuni tour tematici da divulgare tra cittadini, visitatori, city user e turisti. Tutte le attività commerciali aderenti saranno segnalate sulla mappa digitale del commercio cittadino in costruzione sulla piattaforma del programma www.dbari.it e invitate a una specifica attività di co-progettazione per la costruzione di tour tematici e territoriali che potranno riguardare, ad esempio, i settori: Design & Arredamento, Vintage, Beverage, Sport & Fitness, Moda, Beauty & Wellness, ecc.

In particolare, il 13 febbraio, durante il workshop intensivo “Il negozio barese” promosso nell’ambito della Scuola barese di Commercio, organizzata dal Distretto Metropolitano del Commercio negli spazi di Porta Futuro (ex Manifattura Tabacchi, ingresso da via Ravanas 233), si terrà un laboratorio aperto condotto da Velo Service, tour operator locale tra i gestori dell’info-point turistico della città.

La mappa e i tour dello shopping saranno resi disponibili e presentati alla città il 27 febbraio, durante l’edizione 2024 di “Commercio Prossimo”, l’evento sulla nuova scena commerciale di Bari.

A seguire, il 23 febbraio il progetto Bari Shopping Tour sarà presentato a Milano dall’assessora alle Attività produttive Carla Palone in occasione di Shopping Tourism, il forum sul turismo dello shopping in Italia ideato e organizzato dal 2016 da Risposte Turismo in partnership con ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, con il patrocinio del Ministero del Turismo.

“Lo sforzo dell’amministrazione comunale – dichiara Carla Palone- è teso a sostenere lo sviluppo dello shopping tourism a Bari come opportunità da non perdere per i commercianti locali, trattandosi di un fenomeno dal forte potenziale in termini di ricadute sull’economia cittadina. Il riscontro positivo da parte dei commercianti in risposta alla call dell’amministrazione comunale ci incoraggia a proseguire in questa direzione”.