TOMMY TEDONE

Aumentano le tariffe al Polipark e chi ci rimette sono i lavoratori del Policnico

Dal 1 gennaio 2024 i lavoratori del Policlinico per accedere con la propria auto al Polipark saranno costretti a subire nuovi aumenti per l’abbonamento e/o la tariffa giornaliera.
Luigi Cipriani, segretario della O.S. GIL/Sanità, ha scritto all’Amministrazione del Policlinico invitandola ad intervenire per chiedere l’immediata sospensione degli aumenti al fine di tutelare i propri lavoratori in quanto tali aumenti si devono ritenere inappropriati considerato che proprio l’Azienda Policlinico da alcuni anni ha concesso all’Amtab aree della viabilità interna del policlinico all’Amtab che le ha destinate a parcheggio a pagamento. E ora il Policlinico si appresta, inoltre, a concedere ulteriori spazi che l’Amtab gestirà incamerando ulteriori introiti dai grattini.
“Tale ulteriore concessione all’Amtab, da parte del Policlinico – si legge in una nota – garantirà un notevole “flusso economico” nelle casse dell’Amtab. La scrivente O.S. invita il Direttore Generale del Policlinico, al fine di tutelare i propri dipendenti, di concordare con i vertici dell’Amtab in cambio della cessione delle aree interne l’esonero totale dal pagamento da parte dei dipendenti che fanno ricorso, per motivi di lavoro, al Polipark. Si precisa, inoltre, che gran alla gran parte dei dipendenti non viene garantito l’abbonamento mensile e pertanto gli stessi saranno “costretti” a pagare la “nuova” tariffa-beffa di € 2,50 al giorno, non trascurando l’ulteriore “sorpresa” per i dipendenti che fanno il rientro devono pagare tale cifra per ben 2 volte (vero salasso per i dipendenti). Ove l’Amtab non riveda la sua posizione questa O.S. chiede al D.G dell’Azienda Policlinico che le attuali aree concesse all’Amtab e destinate quale parcheggio a pagamento, al contrario, siano messe immediatamente a disposizione dei dipendenti durante le ore che gli stessi prestano servizio”.