TOMMY TEDONE

Assegnati i finanziamenti per il sistema pedagogico “Zerosei”

Il Sistema zero-sei della Puglia è sempre più integrato. La Sezione regionale Istruzione e Università, con l’invio di un’apposita nota di indirizzo, redatta in sinergia con USR, ha fornito le indicazioni operative ai 38 Comuni, beneficiari del contributo di € 25.169,72 per l’avvio di Coordinamenti pedagogici territoriali, a valere sul riparto del Fondo zerosei 2023.

Si tratta di un ulteriore step verso la creazione in Puglia del Sistema integrato zerosei a cui un importante impulso è stato dato dalla sperimentazione in tema di Formazione congiunta. Le scuole dell’infanzia statali in qualità di capofila di una rete di servizi educativi, pubblici e/o privati, formata da almeno tre unità di offerta per minori da zero a sei anni, potranno presentare ai Comuni di riferimento un Piano formativo congiunto, contenente un programma formativo di uno o due unità ciascuna di durata non inferiore a 25 ore per un massimo di 20 addetti.

Dal 2021, infatti, è possibile in Puglia la realizzazione di percorsi di formazione congiunta del personale educativo e docente del Sistema integrato zerosei; percorsi elaborati sulla base di indirizzi operativi che l’amministrazione regionale ha stilato in accordo con l’USR, l’Anci Puglia e le rappresentanze del settore, nell’ambito del Comitato Regionale zerosei.

Questi percorsi consentono ad educatori dei servizi per l’infanzia da 0 a 3 anni e docenti delle scuole dell’infanzia di condividere uno stesso percorso formativo, in ottica di coordinamento pedagogico della didattica e dell’apprendimento dalla nascita al compimento dei 5 anni.

A distanza di due anni dall’avvio della sperimentazione, è possibile un primo bilancio della formazione congiunta in Puglia da cui emerge un grande interesse da parte dei soggetti legittimati alla presentazione dei progetti formativi. Infatti, tra il 2021 e il 2022, sono stati realizzati 50 progetti formativi di 25 ore ciascuno sulla base della sottoscrizione di 34 accordi di rete per un numero di circa 600 partecipanti.

Considerata, quindi, l’esperienza positiva finora maturata, è stato approvato dalla Giunta regionale un aumento della soglia economica massima per l’attuazione dei progetti formativi congiunti, portandola a 4.000,00 euro per ogni unità formativa di un minimo di 25 ore ciascuna (fino ad un massimo due per ogni piano formativo).

“In Puglia abbiamo voluto supportare lo sviluppo del Sistema integrato Zerosei con un quadro di indirizzi operativi condivisi con le istituzioni a vario titolo coinvolte nel processo di attuazione della riforma, al fine di fornire a tutti gli attori del sistema le medesime opportunità di accesso alla conoscenza dei temi posti dalla riforma. L’avvio dei Coordinamenti pedagogici territoriali costituisce un altro tassello del mosaico degli interventi regionali per l’attuazione della riforma zerosei, delineando sempre più chiaramente il disegno complessivo della strategia regionale: dalla riqualificazione e creazione di spazi per l’apprendimento dedicati a bambine e bambini da 0 a 6 anni, alla formazione mirata in ottica zerosei del personale addetto, all’avvio dei Coordinamenti pedagogici territoriali, passando dall’imprescindibile sostegno alla gestione dei servizi educativi per il contenimento dei costi a carico delle famiglie”, ha commentato l’assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo.