TOMMY TEDONE

Anche Monopoli aderisce alla rete museale “Terra di Bari”

L’esecutivo ha autorizzato il sindaco Angelo Annese alla sottoscrizione e ha demandato al dirigente dell’A.O. Affari Generali e Sviluppo Locale Pietro D’Amico l’attuazione di quanto disposto nell’accordo di valorizzazione con particolare riferimento al rispetto degli obblighi previsti.

L’accordo di valorizzazione per la Rete museale “Terra di Bari” ha come obiettivi la promozione di politiche e pratiche di cooperazione, collaborazione e co-progettazione tra i musei aderenti per migliorare la qualità, la quantità e le modalità di accesso e fruizione da parte del pubblico valorizzandone il ruolo di presidio culturale del territorio e strumento di crescita e sviluppo delle comunità territoriali; la condivisione e la razionalizzazione delle risorse, al fine di attuare una gestione coordinata di funzioni e di servizi che realizzi economie di scala; l’erogazione di prestazioni di servizi omogenei e coordinati, in termini di efficacia, qualità e tipologia, per favorire la crescita complessiva dell’offerta dei musei della regione; l’interscambio di dati, informazioni, materiali e la promozione di azioni di sostegno in una logica di learning community; l’attivazione di azioni tese a incoraggiare donazioni private attraverso campagne di fundraising; la condivisione di risorse materiali e immateriali (eventi condivisi, mostre, competenze, professionalità specifiche in particolare nell’ambito della comunicazione, marketing e social network); l’allestimento di progetti di comune interesse da condividere con le istituzioni locali e presentare alla Regione Puglia.

«L’adesione alla rete museale “Terra di Bari” rappresenta un’occasione unica per valorizzare ulteriormente un contenitore d’eccellenza come il nostro Castello Carlo V. Negli anni l’assessorato alla Cultura ha lavorato molto affinché diventasse il luogo di mostre ed eventi dall’alto valore culturale e oggi l’iniziativa della Regione Puglia ci consente di rafforzare ulteriormente la sua missione», afferma l’assessore alla Cultura, Rosanna Perricci.